Odissea nello spazio uno – due e tre di Arthur C. Clarke

Carissimi lettori buona domenica!!! Siete ancora in spiaggia? Durante le vacanze ho fatto lavorare il mio collaboratore dandogli come compito oneroso non una, non due ma tre libri da leggere e recensire. Che cosa ne penserà? Scopriamolo nella sua recensione congiunta che potete leggere dopo le schede dei libri.

  • Titolo: 2001 Odissea nello spazio
  • Autore: Arthur C. Clarke
  • Traduttore: B. Oddera
  • Editore: Fanucci Editore
  • Genere: Fantascienza
  • Data di Pubblicazione: 21 Luglio 2016
  • Prezzo:
    • e – Book 1,99 €
    • Cartaceo 13,60 €
    • Kindle Unlimited Gratis
  • Disponibilità:

Quando un enigmatico monolite viene trovato sotto la superficie lunare, gli scienziati non immaginano che quell’antico e straordinario manufatto abbia più di tre milioni di anni né che, una volta riportato alla luce, cominciasse a inviare un potente segnale indirizzato verso l’orbita di Saturno. Che cos’è veramente quel monolite? A chi è rivolto quel segnale? Per scoprirlo, la nave spaziale Discovery parte alla volta di Giapeto, satellite di Saturno. I membri dell’equipaggio, scelti tra i migliori cosmonauti, sono assistiti nella loro missione da HAL 9000, cervello e sistema nervoso dell’astronave, un computer potentissimo capace di riprodurre i meccanismi della mente e dotato di una propria coscienza. Una macchina perfetta, fin troppo umana, tanto da essere soggetta a nevrosi e impulsi omicidi. Starà ai membri dell’equipaggio far sì che HAL 9000 non li coinvolga nella sua follia digitale: in gioco c’è la possibilità di entrare in contatto con le entità sconosciute e insondabili, a cui il monolite appartiene e che potrebbero essere all’origine della civiltà stessa.

2010: Odissea due (Fanucci) di [Clarke, Arthur C.]

  • Titolo: 2010 Odissea due
  • Autore: Arthur C. Clarke
  • Traduttore: Fabio Gamberini
  • Editore: Fanucci Editore
  • Genere: Fantascienza
  • Data di Pubblicazione: 20 Ottobre 2016
  • Prezzo:
    • e – Book 1,99 €
    • Cartaceo 13,60 €
  • Disponibilità:
    • Ibs
    • Amazon
    • LaFeltrinelli http://clkuk.tradedoubler.com/click?p=71740&a=3030654&g=17849444&url=https://www.lafeltrinelli.it/fcom/it/home/pages/catalogo/searchresults.html?prkw=2010%3A+Odissea+due&cat1=3&prm=&type=0
    • Libraccio
    • Mondadori Store

 

Nove anni dopo il disastro, il relitto della Discovery vaga abbandonato nello spazio interplanetario, portando con sé i misteri del fallimento di quella missione. Ora, una spedizione congiunta di astronauti russi e americani ha il compito di raggiungere la nave spaziale alla deriva e scandagliare la memoria di HAL 9000, l’intelligenza artificiale deviata che ha portato la Discovery alla rovina. Perché il computer si è ammutinato? Che fine ha fatto l’equipaggio? Cosa ne è stato del comandante Bowman? Quando anche una spedizione cinese è inviata verso il relitto, la missione di recupero si trasforma in qualcosa di più pericoloso e cruciale: in gioco c’è il futuro dell’universo, perché chi otterrà per primo le informazioni raccolte dall’equipaggio della Discovery riguardanti l’enigmatico monolite rinvenuto sotto la superficie lunare sarà destinato a governare il mondo.

2061: Odissea tre (Fanucci Editore) di [Clarke, Arthur C.]

 

  • Titolo: 2061 Odissea tre
  • Autore: Arthur C. Clarke
  • Traduttore: Fabio Gamberini
  • Editore: Fanucci Editore
  • Genere: Fantascienza
  • Data di Pubblicazione: 20 Aprile 2017
  • Prezzo:
    • e – Book 1,99 €
    • Cartaceo copertina rigida 9,79 €
    • Cartaceo copertina flessibile 13,60 €
  • Disponibilità:

 

Arthur C. Clarke è stato senza dubbio un grande scrittore di fantascienza, i suoi manoscritti hanno unito la fantasia dell’artista a studi e riferimenti di scienziati viventi che spesso nomina e fa riferimento anche in queste opere. La lettura di questi tre libri però costringono il lettore a continue revisioni mentali in quanto la stesura dei tre lavori varia dagli anni 64/68 del primo alla fine degl’anni ‘80 del terzo, e in esse l’autore ha modificato alcune scelte letterarie per adeguarle alle continue scoperte astronomiche, figlie delle sonde Voyager e di altri studi provenienti dalla NASA o da altri enti spaziali.

Non solo ed è l’esempio più ovvio: lo stesso film di Stanley Kubrick del 1968 costringe l’autore a fare dietrofront sulla scelta di ambientare la missione Discovery su Saturno e scrivere il seguito (2010) come se gli eventi si fossero svolti su Giove, come nel film. La scelta viene giustificata anche dalle immagini reali di Giapeto delle nominate sonde Voyager che rendono infattibili le idee dell’autore tra il primo e il secondo libro.
La ricerca di dare basi solide alla trama, in un periodo di rapido progresso astronomico e scientifico, non ha giovato alla lettura e si prede molto nella passione dell’odissea leggere capitoli su ipotesi o teorie scientifiche che adesso risultano anacronistiche.

Molto poi influenza il meraviglioso film di Kubrick che lascia lo spettatore nell’impossibilità di capire il finale lasciando ad ognuno la propria interpretazione. Qui invece tutto è spiegato e descritto anche con troppa puntualità e l’entità che deriverà dall’avventura è anche troppo loquace, soprattutto nel secondo libro.

Il senso del mistero e dell’ignoto che tanto fa sembrare piccolo l’uomo nel film, qui presto si spegne in una valanga di spiegazioni plausibili.
2010 odissea due è tra i tre il meglio strutturato e ci si immedesima nei personaggi rappresentati, qui ben descritti, con i lati umani in risalto e le costanti minacce che tengono la giusta suspance. Solo la parte finale delude per le già citate spiegazioni su spiegazioni. Anche questo capitolo ha avuto il suo film: 2010 l’anno del contatto.

Non brillante 2061 odissea tre di cui si ha la sensazione, dopo averlo letto, di voler realizzare un interludio tra gli eventi del secondo e quelli del quarto libro della saga chiamato 3001 odissea finale, qui non recensito. Una piatta storia di un salvataggio che ha poco di odisseico e il tanto sospirato colpo di scena che nei capitoli iniziali dà luogo alla storia è così banale da lasciare l’amaro in bocca.

Per concludere uno dei rarissimi esempi in cui il cinema ha fatto meglio della lettura, ma va comunque letta l’intera saga per due motivi: in primis per riscoprire ed approfondire le vicende della Discovery e di HAL 9000 per chi è restato incantato dal film ma vuole sapere la verità. In secundis è sempre un pilastro della fantascienza mondiale che ogni cultore deve annoverare tra le schiere di libri letti.

L’uomo deriva da Dio o è un esperimento di una volontà cosmica aliena potente quanto Dio stesso?

Voti:

  • 2001: Odissea nello spazio —>   
  • 2010: Odissea due —> 
  • 2061: Odissea tre —> 

Voto finale 3,5 Sussurri delle Muse

 

You may also like...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.