Leggera come l’estate di Annalisa Rizzi

La vigilia di ferragosto è arrivata anche quest’anno e non sapete cosa leggere sotto l’ombrellone in attesa di tuffarvi in acqua? Io vi consiglio il libro di Annalisa, che stranamente è ambientato nei giorni prossimi a ferragosto ed è molto adatto al momento. Per scoprire cosa ne penso continuate la lettura dell’articolo con la mia recensione!

  • Titolo: Leggera come l’estate
  • Autrice: Annalisa Rizzi
  • Editore: Righe Gemelle
  • Genere: Romance
  • Data di Pubblicazione: 3 Maggio 2018
  • Prezzo:
    • e- Book 0,99 €
    • Cartaceo 5,99 €
    • Kindle Unlimited Gratis
  • Disponibilità: Amazon

Può una vacanza al mare servire a dimenticare una brutta delusione d’amore? Diana non ne è sicura, ma decide ugualmente di seguire la sua migliore amica Sara in Puglia. I panorami mozzafiato, gli stretti vicoli caratteristici, i profumi della cucina e i colori del mare potranno forse aiutarla a cancellare gli occhi di Cesare dalla sua mente… a patto che lo scorbutico receptionist dell’hotel renda il soggiorno delle ragazze meno movimentato.

Due anni e mezzo. Due anni e mezzo in cui Diana ha intessuto con Cesare una dolce e rassicurante routine, quando un bel giorno, rincasando dal lavoro, non trova più traccia del suo compagno: lui semplicemente se n’è andato approfittando della sua assenza, sparendo nel nulla senza lasciarle uno straccio di spiegazione. Sara non può lasciare che la sua amica si crogioli nel dolore: grazie a un last minute prenotato al volo sul web, la trascina nella splendida Polignano per un soggiorno di una settimana.

Le sorprese, però, cominciano non appena le due arrivano nella località di vacanza: a causa di un inconveniente, l’hotel “Il rifugio di Calipso” è a corto di camere e per una notte le ragazze si ritrovano a dover accettare l’ospitalità di Oreste e Anastasia, proprietari della struttura, a discapito della comodità del loro figlio Stefano.

Chissà se dietro al comportamento scostante dell’uomo si nascondono delle motivazioni che vanno oltre la semplice antipatia? Diana lo scoprirà suo malgrado nel corso di questa singolare vacanza e, magari, troverà lo spunto per cambiare la sua vita. Dopotutto, nessuno può impedire alla notte di giungere. Nessuno può vietare al sole di sorgere.
Una commedia romantica, fresca come la brezza marina, colorata come una spiaggia in estate.

Non è facile reagire alla fine di una storia d’amore, soprattutto se non conosci bene il motivo per cui è finita e se il fedigrafo di turno ti lascia senza una spiegazione. E allora che si fa? Ci si lecca le ferite e si prova a dimenticarlo. Se poi si ha un’amica pronta a partire in vacanza solo per distrarci allora siamo proprio fortunate.

Leggera come l’estate è una storia breve che si svolge in pochi giorni, in una settimana di vacanza ma che fa molto riflettere. Su cosa? Beh sull’importanza di una storia d’amore. Se la nostra protagonista, sebbene sia ferita e delusa, riesce a divertirsi e a riprendersi dalla batosta sentimentale di cui è vittima e a comprendere che poi quell’amore appena finito non era tanto importante come credeva e di aver perso del tempo dietro una persona che scappa senza dare una spiegazione invece di affrontare la propria compagna e comprendere i propri sentimenti. Dovremmo proprio imparare a fare una riflessione interiore e capirci, a volte ci eviteremmo tante sofferenze inutili e potremmo tagliare e dimenticare storie che non fanno altro che farci perdere tempo.

Beh, ma la vacanza non serve solo a dimenticare. Scopro principale e voltare pagina e guardare di nuovo con fiducia alla vita, e magari perchè no, trovare un nuovo amore.  Che non sia il rimpiazzo del vecchio o solo un’avventura estiva, ma l’amore con la A maiuscola, quello che anche nel giro di pochi giorni ti rende completa l’esistenza.

Leggera come l’estate è una storia fresca e divertente, quello che ci si aspetta di leggere sotto l’ombrellone o a bordo piscina, gustando un cocktail alla frutta freddo e fasticando di incontrare l’amore della propria vita nel momento e nel luogo meno impropabile.  È una storia d’amicizia e di leggerezza d’animo, ma non significa che sia superficiale, solo che ci invita a guardare la vita con occhi leggeri e non offuscati dalla pesantezza che la vita di tutti i giorni, le responsabilità e le aspettative degli altri su di noi.

You may also like...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.