L’amante tedesco di Luna Amaranto

Carissimi lettori ben ritrovati, oggi per voi una nuova recensione. Di quale libro vi parlo? Ero indecisa su quale recensione pubbicare oggi… ma visto che fa caldo, perchè non alzare un pò di più la temperatura con un romance storico erotico? Continuate a leggere per scoprire cosa ne penso de L’amante tedesco di Luna Amaranto.

  • Titolo: L’amante tedesco
  • Autore: Luna Amaranto
  • Editore: Nuova Santelli Edizioni
  • Genere: Romanzo storico erotico
  • Data di pubblicazione: 19 Marzo 2018
  • Prezzo
    • e – Book 4,99 €
    • Cartaceo 14,99 €
  • Disponibilità:

Provenza, giugno 1940. In un piccolo paesino della campagna francese Gemma è sposata con un uomo che non ha mai amato e vive insieme all’odiosa suocera. Suo marito è partito per la guerra e in mezzo all’esplodere degli eventi, come l’improvviso bombardamento di Parigi e l’avvicinarsi della Repubblica di Vichy, si sente sempre più sola e costretta a sottostare alle rigide regole domestiche e all’atmosfera soffocante della guerra.

A soli diciotto anni non ha mai conosciuto né l’amore né la passione, ma l’improvviso arrivo dell’ufficiale tedesco Ian Weber cambierà di netto la sua vita. L’aitante uomo dai freddi tratti nordici nasconde una sfavillante fiamma di desiderio dentro al suo cuore.

Il tipico uomo bello e maledetto, reso ancora più dannato dalla sua spietata origine, la condurrà a provare sensazioni mai conosciute. E sarà allora che la passione scoppierà fra i due protagonisti.

Quanto volte abbiamo sentito racconti sulla guerra? Quante volte abbiamo ascoltato racconti truculenti da parte di nonni e zii che ci hanno parlato dei soldati nazisti come persone senza cuore, diaboliche e malvagie. Ok, ne hanno fatte di cazzate e cose brutte, non voglio mica giustificarli con questa frase, voglio solo far riflettere su una cosa… erano solo loro i cattivi?

L’amante tedesco ci parla della storia di una giovane donna, che nel 1940 doveva ubbidire alla famiglia e sposare chi i suoi genitori avevano scelto per lei o chi potesse assicurarle un futuro, senza pensare ai sentimenti o ad avere comprensione da parte del novello sposo e della nuova famiglia acquisita. Era giusto? Era sbagliato? Chi siamo noi per giudicarlo? Sicuramente non era piacevoli ritrovarsi maritate con il primo pinco pallino di turno anche se benestante, ma ai quei tempi era normale e forse pochi erano i matrimoni in cui marito e moglie si amavano.

Molto spesso si ignoravano, pensavano solo a dare una parvenza di rispettabilità magari sforndando tanti figli e poi ognuno per la sua vita desolata. La cattiveria, in questo caso di un marito e di una suocera, hanno cercato in tutti i modi di uccidere lo spirito libero e solare di Gemma, facendola crescere più in fretta di quanto prima il matrimonio combinato e poi la guerra non avessero già fatto.

Impossibile per lei essere rispettata come persona e come donna, è più vista come un oggetto da usare a proprio piacimento. E qui scatta il paradosso. Gemma si innamora dell’uomo che in teoria, secondo il pensiero comune, è l’impersonificazione del male: un soldato tedesco. Può fidarsi di lui? Può amarlo? Chi stabilisce cosa può fare o non fare? Ormai è condannata ad una logorsa esistenza e quindi perchè non godersi quegli attimi di amore e felicità rubati?

L'amante tedesco

E quindi viene da chiedersi se Gemma sarà costretta a subire le angherie del matrimonio a vita. Di sicuro non vivrà momenti facili e le persone a lei più vicine, che rappresentano la sua famiglia sono i primi a tradirla e causarle dolore, ma come l’autrice ci ricorda la vita prima o poi paga i suoi debiti e nel bene e nel male saremo ripagati delle nostre azioni. In che modo? Per sapere come si evolverà la storia di Gemma vi consiglio di leggere il libro.

In Sintesi…

L’amante tedesco è una bella storia, molto forte e cruda quasi a voler enfatizzare la crudeltà a volte inspiegata della guerra e del periodo storico in cui è ambientata. Gemma, protagoista della storia, rappresenta la donna del periodo che deve sottostare prima al volere paterno e poi a quello del marito, che vive un matrimonio senza amore nè rispetto, anzì è vittima di abusi e angherie senza fine. Come spesso accadeva nel passato, le è concesso un breve momento di felicità, di conoscere il vero amore e di doverci rinunciare… ma come tutte le donne eroine non si abbatte, soffre in silenzio e lotta per non morire dentro di lei.

Il libro è ben strutturato nei vari passaggi da un punto di vista all’altro, e vengono coinvolti nella storia tutti i personaggi che sviluppano la trama. Però ha bisogno di essere rivisto. L’impaginazione non è ben strutturata, la continua sillabazione disturba la lettura e rende tutto confusionario, sarebbe meglio scegliere un allineamente giustificato con il rientro della prima riga per paragrafo. Anche da controllare le È… non capisco perchè sono tutte in corsivo.

3 Sussurri delle Muse

 

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.