I sogni non svaniscono all’alba di Silvia Mango

Carissimi lettori ben ritrovati in questo ultimo venerdì di Settembre. Come sempre il blog è impegnato in tanti eventi e oggi ve ne presento due, il primo dei quale è il Review Party de I sogni non svaniscono all’alba edito da Literary Romance.

Prodotto fornito dalla CE ai fini promozionali
  • Titolo: I Sogni non svaniscono all’alba
  • Autrice: Silvia Mango
  • Editore: Literary Romance per PubGold
  • Genere: Romanzo rosa
  • Pagine: 80
  • Data di Pubblicazione: 5 Luglio 2018
  • Prezzo: 
    • e – Book 2,99 €
  • Disponibilità:

«Le ferite non vanno nascoste, ma valorizzate, perché ci riportano a ciò che siamo, fanno parte del nostro cammino. Non possiamo nasconderle. Non puoi fingere con te stessa che lo strappo non ci sia stato, ma puoi fare in modo che quello strappo ti renda più bella e determinata, più di quanto tu non lo sia già.»

Per parlarvi di questo libro prendo immediatamente spunto dalla trama che Literary Romance ci fornisce. A volte la trama del libro ci può dire tutto o niente della storia stessa, in questo caso ci mette davanti ad un fatto compiuto: le ferite della vita non vanno nascoste, anzi non si possono nascondere.

Da quest’affermazione prende vita la storia di Silvia Mango ne I sogni non svaniscono all’alba, una storia breve sono solamente 80 pagine, ma intensa in cui l’obiettivo dell’autrice è mettere in mostra le ferite dei personaggi, quelle che chiunque cercherebbe in tutti i modi di nascondere e magari dimenticare e vivere come se non esistessero. Cosa assai assurda in quanto ignorarle è impossibile. Per quanto ci si possa provare, non si puo’. In qualche modo torneranno a prendere vita e urlare a voce alta affinchè siano affrontate e paradossalmente guarite.

Silvia Mango mette in campo tutte le ferite dei suoi personaggi e li sprona a guardarle in faccia e affrontarle. Far capire loro che a volte i sogni infranti non devono impedirci di sognare ancora ma di imparare da cosa non siamo riusciti ad ottenere e capire perchè abbiamo fallito e trovare un altro sogno in cui credere per andare avanti determinati. Avere una meta da raggiunge stimola noi stessi ad adoperarci per realizzare il nostro sogno e a capire che a volte i sogni si realizzano non come li abbiamo desiderati e progettati ma come sono più uliti a noi stessi.

Un ottimo invito alla positività e alla determinazione. Peccato che la storia sia molto breve, in solo 80 pagine e molto concentrata e quasi affrettata e le situazioni narrate non hanno il loro spazio naturale di evelversi sembrando molto forzate e dal finale troppo perfetto. Questo non vuol dire che non sia una bella storia da leggere, anzi la consiglio per due motivi: per far riflettere il lettore sul fatto che piangersi addosso e dare la colpa dei fallimenti agli altri non ha senso, e per capire che le cose belle arrivano sempre basta solo saperle riconoscerle e accettarle nella propria vita, anche quando proprio belle non sembrano.

Per il resto? Non mi resta che augurarvi: BUONA LETTURA!

You may also like...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.